Follow by Email

17.10.08

Venerdì, 17 Ottobre - Sociologia della piazza

di Marco Apolloni

Itinerari speciali

Trento ha un centro davvero delizioso, tipo: centrino da tavola. Non so se mi spiego. Però non chiedete mai informazioni ai trentini – si chiaman così gli abitanti di Trento, no? – se non volete perdervi in città. Ci sono parecchi vicoli angusti e antichi in questa suggestiva località alpina. Ma al mattino, quando ti svegli, non è niente male vederti le montagne attorno. È una strana sensazione, nuova per me, stimolante direi. Come ogni città montanara consimile, anche Trento dopo una certa ora chiude i battenti. Le uniche colonie notturne studentesche si rintanano in locali malfamati, stile: peggiori bettole di Caracas, oppure in locali oltremodo chic. Questi ultimi per la componente più in, della serie: tanto paga babbo. Decisamente non il mio target, più out che in. Il tanto paga babbo con me non attacca, a meno che non voglia finire bastonato da quelle manone d’orso del “mi babbo”. Poi di giorno la città si ripopola. La popolazione è piuttosto meticcia. Donne col velo spuntano da ogni angolo come i funghi finferli del sottobosco locale. (La comunità marocchina è talmente radicata che in certi momenti ti pare di stare a Marrakech, nel bel mezzo della Casbah.) Ciclisti in tutina si danno appuntamento presso la stazione degli autobus, a pochi passi da quella dei treni. Rasta provenienti da Bolzano sbucano dalla stazione ferroviaria. Centri sociali ci devono essere. Io non li ho visti, ma da qualche parte ci saranno senz’altro. Tracce che me l’hanno fatto pensare, a parte i suddetti rastoni, sono: scritte NO A BASI MILITARI sulle strisce bianche d’attraversamento pedonale; manifesti clandestini incitanti al FATE L’AMORE NON LA GUERRA disseminati un po’ in tutta la città, oltre ai rinomati PEACE & LOVE. Tra la fauna locale ho intravisto anche qualche potenziale bombarolo altoatesino – pur essendo in trentino – con minacciosa barba teutonica e chioma ingrigita fino alle ginocchia, del tipo: HANS CASTORP – chi non lo conosce si legga La montagna incantata di Thomas Mann. Per non parlare dei turisti, specialmente francesi, con quella loro pronuncia très jolie. Molte buzziche, a dire il vero. Perché quelle carine sono al 90% creole. Le francesi bone, di carnagione lattiginosa come la VIA LATTEA, sono rare quanto Brigitte Bardot e Catherine Deneuve. Ma che dire d’altro: TRIDENTUM è una città a portata d’uomo, "la Città del Concilio" come recita lo slogan agghiacciante dei dèpliants turistici. Una visitina se la merita, direi.

Cari saluti trentini,

Vostro umilissimo e reverendissimo

Inviato Sociale

(riverisco e bacio le mani!)

Consigliati speciali (molto easy e pure cheap)

Pizzeria da Andrea. Per chi vuol mangiarsi una buona pizza napoletana, sia al taglio che al piatto, fatta da un pizzaiolo partenopeo dòc, con tanto di: profumate foglioline di basilico, mozzarella di bufala campana e pummarola rustica San Marzano.

Döner Kebab. Per chi vuol farsi un paninozzo infarcito di questa specialità arabo-mussulmana, il marchio è di una multinazionale del settore – potete trovarlo ovunque, persino sotto casa vostra –, vero e proprio Mac Donald’s per gli amanti del genere MUCCA PAZZA; la bontà del posto l’ho intuita dall’odorino mica male che mi ha penetrato le narici e sarei quasi entrato a farmene uno anch’io, tanto mi solleticava le papille gustative, se solo non avessi visto tutto quel lardo colante, ogni volta che lo guardo m’attorciglia le budella dal disgusto.

Caffè Tridente. Per due motivi: 1) per il belvedere sulla sontuosa Fontana centrale; 2) per i bei davanzali attornianti, si va da una terza abbondante in su – per chi volesse cogliere l’assist

Ostello Giovane Europa. Con tanto di bagno in camera, annesso e connesso, roba da non crederci. Lenzuola pulite, poco importa se stracciate. Colazione inclusa, anche se colazione è una parola grossa in questo caso. Tutto compreso: 25 euro per una camera singola, che non è malvagio come prezzo. L’unica pecca è la tavola calda chiusa la domenica, giusto il giorno in cui sono andato io.

3 commenti:

Kia ha detto...

Ringraziamo il nostro inviato e diamo la linea allo studio... ;)

Sei linkato! (... e non è una una malattia :P)

K!A

Marco Apolloni ha detto...

Grazie Chiara per il linkaggio, provvedo a ricambiarti il favore...
Saluti dall'Inviato!

MA

Anonimo ha detto...

Perche non:)