Follow by Email

1.2.07

Ermeneutica filosofica - Il mito / 2: aforismi e considerazioni

di Marco Apolloni

“L'allegoria è, nel mondo delle parole, ciò che le rovine sono nel mondo delle cose” (Walter Benjamin ne L'origine del dramma tedesco).
***

“I pensieri sono fuori dalla mente” (Frege).
***

I testi gnostici ebbero il merito di riconnettere la tradizione cristiana alla precedente tradizione misterica orientale. Ermete Trismegisto – cioè “tre volte grande” – fu il punto di estrema congiunzione tra la Sapienza biblica, mosaica e la Sapienza greca ed egizia. In particolare la sua figura enigmatica testimoniava come l'Egitto fosse il luogo di origine di tutti i miti.
***

Nesso inscindibile tra mito e magia, che emerge particolarmente nel Rinascimento, con l'umanesimo. Gli umanisti credevano che il mito fosse la scorciatoia per accedere all'esoterismo.
***

Hume – ne la sua Storia naturale della religione – espresse la convinzione che il mito fosse una conseguenza della paura, del terrore delle comunità primitive. Ovvero secondo lui: il timore dei fenomeni naturali ha prodotto la conseguente reazione mitologica dell'uomo. Dunque per Hume l'uomo era all'origine politeista. A differenza di Schelling secondo cui, invece, l'uomo era all'origine monoteista.
***

Gran parte delle nostre paure proviene da angosce indeterminate e inautentiche tutte riconducibili ad un'unica angoscia primordiale: essere risucchiati dal maelstrom vertiginoso che tutto inghiotte!
***

La scienza procede spedita lungo la via maestra, senza indugiare sui facili guadagni, e non si ferma finché non arriva dritta alla meta.
***

La religione si è originata non per ricercare l'ideale, bensì per rifuggire la morte – sommo terrore degli umani!
***

Dioniso è il dio che viene da fuori, che fa tremare ed ubriacare. Il dionisiaco, perciò, rappresenta tutto ciò che è legato all'orgia o estasi o effervescenza della collettività.
***

L'apoteosi è il processo che porta un uomo a diventare un dio. Eracle – il primo e il più illustre degli eroi greci – subì un trattamento analogo.
***

Un limite diventa una risorsa per un'illuminista convinto che: la sua forza coincida proprio con la sua debolezza!
***

È dal mito che sgorga il latte della sapienza.
***

I miti sono ovunque, quindi anche – a maggiore ragione – nelle opere letterarie.
***

I miti sono, di per sé, inesauribili.
***

Il mito, con il suo peso schiacciante, ci rende consapevoli della nostra inanità.
***

Il mito a sinistra viene percepito come forma di liberazione, mentre a destra viene altresì percepito come ritorno all'origine.
***

Il mito è qualcosa di estremamente pericoloso, che va riposto in qualche teca di un museo. Il museo è uno dei luoghi prediletti dell'immaginario collettivo novecentesco. Qui vengono riposte “cose morte”, dunque esso evoca l'incubo più terrifico per gli uomini: la morte!
***

Il mito di Prometeo c'insegna che la tecnica è troppo debole rispetto alla necessità. In estrema sintesi: il rischio della tecnica è di essere troppo accelerata così come Atalanta “piè veloce”.
***

La decadenza per il genere umano è cominciata con la graduale perdita dell'originario. “L'origine è la meta”, per dirlo con lo scrittore tedesco Karl Kraus. Oppure per dirlo con Acmeone, discepolo pitagorico: “L'uomo sarebbe immortale se riuscisse a congiungere l'inizio e la fine”.

Nessun commento: